Ultime notizie

Rinnovamento: CREDERE NEL DIALOGO

In questa rubrica si riprendono gli interventi della tavola rotonda del 15 dicembre scorso,
condotta da Massimo Tedeschi del Corriere della Sera, per fare in modo che i temi e i
suggerimenti emersi possano diventare patrimonio comune e occasione di riflessione per il
futuro del Consorzio, delle Cooperative e dei loro Soci.

Introdotto dalla testimonianza di Giuseppe Savino,
fondatore di Vàzzap, Paolo Foglietti vice
presidente di Confcooperative Brescia, dovrebbe
fare fatica, perché la sua carta d’identità è chiara,
a parlare di giovani… invece no. Ricordando la
straordinarietà di quanto è cresciuto e è ancora in
fase di sviluppo nel cortile di Montichiari, richiama
alla responsabilità i Senior chiedendo loro
di rischiare e di immaginare nuovi percorsi per
i giovani dicendo sì a qualche progetto concreto.
Solamente se ci sarà relazione, e non solamente
un’approvazione di massima, il rinnovamento, e
non solo quello generazionale, avrà gambe. Ma
la relazione presuppone il dialogo e quindi una
conoscenza, che si costruisce con pazienza ripercorrendo
strade già battute magari stando seduti
alla stessa tavola. E’ necessario rinnovarsi fino
allo sfinimento, perché fare cooperazione oggi è
sfinirsi nel credere nel dialogo e nella forza di stare
insieme. La cooperazione è l’unica strada per
fare qualcosa di buono!

Rinnovamento è …
di Pietro Arrigoni – regista teatrale

Il 16 gennaio 1916, la squadriglia di idrovolanti di Grado deve
compiere una missione su Trieste; d’Annunzio vola, in qualità di
ufficiale operatore. Gli eventi di quel giorno sono raccontati nel
diario di Renata, figlia del poeta: “a Caorle avevano ammarato
per riparare un piccolo guasto, ma il luccichio del sole sull’acqua
aveva ingannato l’occhio del pilota che non aveva potuto
misurare bene la distanza, e così l’apparecchio, urtando violentemente
sull’acqua, era rimbalzato nell’aria”. Dopo aver subito
quel violentissimo contraccolpo, d’Annunzio resta semicieco:
distacco della retina dell’occhio destro. L’occhio destro è perso
definitivamente ma il sinistro è salvo. Durante questo periodo di
cecità, d’Annunzio riesce però a continuare a scrivere, mediante
un’invenzione poco meno che geniale: egli aveva pensato di
farsi preparare dalla figlia migliaia di sottili striscioline di carta, i
“cartigli”, che gli permettessero di scrivere senza rischiare di sovrapporre
le righe. Il D’Annunzio “esploratore dell’ombra”, colui
che fu per eccellenza il poeta degli occhi, autore delle sensazioni
splendide e sontuose, adesso è costretto a guardare all’interno
della propria coscienza: è l’immagine di una debolezza sublime,
un rinnovamento nuovo e sempre spalancato sull’orlo del
silenzio.

 

Ultime News

CIS – Lettera ai soci

Le cooperative della Cittadella della Cooperazione rimangono in prima linea

Scopri di più

Cover Crop

Le Cover Crop possono essere considerate come una soluzione per

Scopri di più

I lavori essenziali

Da uno studio di FondoSviluppo emerge che le cooperative aderenti

Scopri di più

CIS e partners della Cittadella della Cooperazione: tutti i servizi

Il Consorzio CIS - Consorzio Intercooperativo Servizi in agricoltura, insieme

Scopri di più

LATTE E SALUTE

Nonostante il flusso imponente di informazioni che ci sono oggi,

Scopri di più

Irrigazione di precisione

Irrigazione di precisione: è calcolabile, prevedibile e controllabile. Può essere

Scopri di più

Continuità e progettazione

Dai piccoli spiragli di luce e da questa fragilità inaspettata

Scopri di più

La campagna grandine 2020

VH ITALIA ASSICURAZIONI opera in Italia dal 2002 e dall’inizio

Scopri di più

Nuovo credito d’imposta per i beni strumentali

La nuova misura sostituisce il superammortamento e l’iperammortamento, ampliando quindi

Scopri di più

Parole strane di oggi

Per evitarvi il problema di chiedere ad altri, corriamo in

Scopri di più

Cis Consorzio Intercooperativo Servizi - C.F. e P.IVA 01797760988 - Privacy Policy - Cookie Policy - Crediti: Linoolmostudio