Ultime notizie

LA CAMPAGNA GRANDINE 2023

LA CAMPAGNA GRANDINE 2023

Agemoco e VH Italia insieme per proteggere il patrimonio dei soci Cis

PERCHÈ AGEMOCO HA SCELTO VH ITALIA VH ITALIA ASSICURAZIONI 

E’ la filiale italiana della Vereinigte Hagelversicherung VVAG, Compagnia d’assicurazione creata circa 200 anni fa per volontà degli agricoltori tedeschi e specializzata in danni alle produzioni causati da avversità atmosferiche.

VH ITALIA ASSICURAZIONI è la Compagnia specializzata in avversità atmosferiche più grande d’Europa. È presente nei seguenti paesi dell’Unione Europea: Lussemburgo, Belgio, Olanda, Lettonia, Ucraina, Lituania, Polonia, Croazia ed Italia dal 2002.

Dall’inizio del 2005, VH ITALIA,  ha aperto la propria filiale a Verona, come partner del Gruppo Assimoco ed è operativa in tutte le regioni italiane. Nel corso degli anni, la Compagnia ha ampliato notevolmente la sua posizione commerciale. Il 2022 ha visto VH Italia Assicurazioni attestarsi su un ammontare di premi raccolti di oltre 70 milioni di euro. La produzione attuale si distribuisce su tutto il territorio nazionale, interessando tutti i prodotti agricoli. 

 Grazie all’esperienza diretta in campo, la ricerca sperimentale e la collaborazione con organizzazioni professionali e associazioni dei produttori, VH Italia Assicurazioni ha sviluppato molteplici forme di coperture contro le avversità atmosferiche e offre una vasta gamma di soluzioni assicurative. Scegliendo fra le varie opzioni disponibili, l’assicurato potrà decidere la giusta combinazione di eventi contro i quali assicurare la propria produzione. 

 

VH ITALIA 

Ha collaborato inoltre con importanti istituti di ricerca e università per la ricerca sperimentale sugli effetti dei danni da avversità atmosferiche: 

  • Uva da vino: Università degli Studi di Verona, Università degli Studi di Piacenza
  • Mais: Università degli Studi di Piacenza
  • Kiwi: Università di Torino.
  • Esegue la rilevazione del danno subito dai prodotti assicurati, non solo basandosi su tabelle di riferimento che codificano l’entità del sinistro, ma prendendo in considerazione la differente qualità commerciale. 
  • Affida il lavoro di rilevazione dei danni in campo a professionisti quotidianamente a  contatto quotidiano con il mondo agricolo. 
  • Offre soluzioni assicurative su misura per la prevenzione contro i danni da grandine e altre avversità atmosferiche per tutte le colture agricole. 

 

QUALI SONO LE NOSTRE LE SOLUZIONI ASSICURATIVE 

  • MONORISCHIO: contro i danni causati dalla grandine (coperture non agevolate). 
  • COPERTURE SULLE RESE: contro i danni derivanti dalla perdita di resa produttiva causata da varie combinazioni di eventi. 
  • SECUFARM®, esclusiva di VH Italia Assicurazioni, garantisce condizioni vantaggiose come la franchigia scalare che diminuisce, fino ad annullarsi, all’aumentare del danno. 
  • LINEA SECUFARM® Questo prodotto assicurativo, esclusivo di VH Italia, combina l’esperienza maturata in Germania con le tipicità del mercato italiano per offrire agli agricoltori coperture altamente innovative e flessibili. Scegliendo fra le varie opzioni disponibili, l’assicurato potrà decidere la giusta combinazione di eventi contro i quali assicurare la maggior parte delle produzioni. Le caratteristiche principali di questo prodotto sono l’aliquota di franchigia di tipo scalare che si riduce a zero per danni particolarmente elevati ed i criteri di determinazione della percentuale di danno innovativi e vantaggiosi. Per la frutta, ad esempio, si tiene conto della perdita commerciale del prodotto dovuta agli eventi assicurati, valutando il frutto a seguito dell’evento assicurato nelle categorie merceologiche di prima, seconda classe o scarto. Per l’uva da vino si riconosce una perdita di qualità direttamente correlata allo stadio di maturazione del prodotto.

 

PERCHÈ AFFIDARSI AD AGEMOCO BRESCIA SRL 

Perchè Agemoco Brescia srl è un Agenzia Plurimandataria con una specifica esperienza trentennale nel settore agricolo. Opera sul territorio tramite un gruppo di Consulenti con specifiche conoscenze del settore agrario e vitivinicolo e garantisce il servizio tramite un’efficiente struttura amministrativa.

 

PIANO DI GESTIONE DEI RISCHI IN AGRICOLTURA 2023

Il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha pubblicato il Piano di Gestione dei Rischi in Agricoltura 2023 confermando le caratteristiche del precedente piano, compreso il concetto di “Standard Value” (SV). Lo SV rappresenta il valore massimo ammissibile a contributo. Di seguito vengono illustrate le principali caratteristiche del piano:

AVVERSITA’ ASSICURABILI: 

  • Avversità catastrofali: ALLUVIONE – SICCITÀ – GELO/ BRINA 
  • Avversità di frequenza: ECCESSO NEVE – ECCESSO PIOGGIA – GRANDINE – VENTI FORTI 
  • Avversità accessorie: COLPO DI SOLE, VENTO CALDO e ONDATA DI CALORE – SBALZO TERMICO

 

COMBINAZIONI DEI RISCHI ASSICURABILI 

Le coperture assicurative che coprono la mancata resa (quantitativa o quanti/qualitativa) delle produzioni vegetali possono avere le seguenti combinazioni:

  • TUTTE LE AVVERSITA’ CATASTROFALI + FREQUENZA + ACCESSORIE 
  • LE AVVERSITA’ CATASTROFALI + ALMENO UNA AVVERSITA’ DI FREQUENZA ED, EVENTUALMENTE, TUTTE LE AVVERSITA’ ACCESSORIE 
  • ALMENO 2 AVVERSITA’ DI FREQUENZA ED, EVENTUALMENTE, TUTTE LE AVVERSITA’ ACCESSORIE 
  • POLIZZE SPERIMENTALI 

GARANZIE PRESTATE CON LE POLIZZE AGEVOLATE 

Contratti assicurativi che coprono la mancata resa quantitativa, oltre all’eventuale danno di qualità, della produzione a causa delle combinazioni degli eventi avversi ammessi alla copertura assicurativa agevolata. 

VALORI ASSICURABILI 

I valori assicurabili delle produzioni vegetali soggetti a contribuzione pubblica non devono mai superare il valore reale della produzione ottenibile. Ciò che l’agricoltore avrà assicurato, ai soli fini della determinazione del sostegno pubblico, sarà verificato attraverso lo “Standard Value”. In caso il valore della produzione storica sia superiore, l’agricoltore deve produrre documenti comprovanti il valore riportato nel PAI. Successivamente sarà verificato che il valore assicurato non risulti superiore al valore della produzione storica, a sua volta verificato secondo la procedura precedente.

DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO E ALIQUOTE MASSIME CONCEDIBILI 

La spesa premi ammissibile a contributo è pari al minor valore risultante dal confronto tra la spesa premi ottenuta applicando i parametri contributivi calcolati dall’ISMEA e la spesa premi risultante dal certificato di polizza. Il parametro contributivo è pari alla tariffa media dell’anno in corso per ogni combinazione comune/prodotto/tipologia di polizza. Nuovi assicurati: Il parametro contributivo dei certificati assicurativi con CUAA non presente nelle statistiche assicurative dei precedenti cinque anni è pari alla tariffa effettiva dell’anno in corso per singolo certificato.

CLAUSOLA DI SALVAGUARDIA: 

  • nel caso in cui la spesa ammessa a contributo delle polizze agevolate CON AVVERSITA’ CATASATROFALI sia inferiore al 90% del premio assicurativo, la stessa è incrementata fino al 90% del premio assicurativo; nel caso in cui la spesa ammessa a contributo delle polizze agevolate SENZA AVVERSITA’ CATASTROFALI ma con almeno tre rischi in garanzia sia inferiore al 85% del premio assicurativo, la stessa è incrementata fino al 85% del premio assicurativo. 
  • nel caso in cui la spesa ammessa a contributo delle polizze agevolate SENZA AVVERSITA’ CATASTROFALI ma con meno tre rischi in garanzia sia inferiore al 75% del premio assicurativo, la stessa è incrementata fino al 75% del premio assicurativo.

PARAMETRI MASSIMI:

In ogni caso, considerando anche i nuovi assicurati ed i meccanismi di salvaguardia il parametro contributivo massimo: 

  • Per la tipologia di polizza che coprono le avversità catastrofali (6-9 eventi) è 25 per tutti i prodotti; 
  • Per le altre tipologie di polizze è: 20 per la frutta, 15 per tabacco, vivai di vite portinnesto, barbatelle di vite, nesti di vite ed orticole, 8 per i cereali, 10 per gli altri prodotti.

La misura del contributo pubblico è determinata a consuntivo e, tenuto conto delle disponibilità di bilancio, sarà aumentata rispetto all’annualità precedente fino ad un 70% per tutte le tipologie di polizze ad esclusione delle combinazioni a due garanzie. Per queste ultime, l’aliquota massima sarà pari al 65%

POLIZZE INTEGRATIVE 

Le polizze integrative non agevolate per la copertura della parte di rischio a totale carico del produttore hanno lo stesso oggetto assicurato della polizza agevolata ma riguardano garanzie, valori e quantità non agevolabili. L’esistenza di polizze integrative non agevolate non segnalate nei certificati delle polizze agevolate, ovvero la loro mancata trasmissione ai fini del caricamento nel Sistema per la gestione del rischio, è motivo di decadenza dal diritto all’aiuto, oltre alla segnalazione del fatto alle autorità competenti.

TERMINI DI SOTTOSCRIZIONE DELLE POLIZZE 

Le polizze assicurative individuali ed i certificati di adesione alle polizze collettive devono essere sottoscritte entro le seguenti date: • Colture a ciclo autunno – primaverile 31 maggio 

  • Colture permanenti: 31 maggio
  • Colture a ciclo primaverile e olivicoltura: 30 giugno 
  • Colture a ciclo estivo, di secondo raccolto, trapiantate: 15 luglio
  • Colture a ciclo autunno – invernale: 31 ottobre

NEW – REQUISITI DELLE POLIZZE AGEVOLATE 

Il piano assicurativo individuale (PAI), costituisce un allegato alla polizza o al certificato di polizza, per le polizze collettive, ed i seguenti dati in esso contenuti fanno fede ai fini del calcolo del contributo: prodotto, soglia, tipologia di garanzie, superficie assicurata, prezzo unitario e valore assicurato. Tale documento dovrà essere redatto presso il proprio CAA necessariamente prima della sottoscrizione della polizza agevolata. Ricordiamo che comunque i dati di polizza devono trovare rispondenza nei rispettivi dati del PIANO COLTURALE del fascicolo aziendale concernenti le superfici coltivate. 

Nel caso in cui il PAI non fosse disponibile prima della sottoscrizione della copertura assicurativa, tale documento può essere MOMENTANEAMENTE sostituito dalla MANIFESTAZIONE D’INTERESSE rilasciata dal proprio CAA (prima della sottoscrizione della polizza). In ogni caso l’assicurato dovrà produrre e consegnare all’intermediario il PAI non appena sarà disponibile presso il proprio Centro di Assistenza Agricola. Non è consentita la stipula di più polizze ovvero di più certificati relativi allo stesso piano assicurativo individuale, salvo il caso della coassicurazione ferma restando la regola che, ai fini del risarcimento in caso di danni, la soglia deve essere calcolata per l’intero prodotto/comune, quindi tenendo conto di tutti i contratti sottoscritti.

 

Ultime News

RISPETTO E COOPERAZIONE

di Marco Baresi   Le parole “cooperativa” e “cooperazione” fanno

Scopri di più

VERSO PIÙ VASTI ORIZZONTI

LEVARE LO SGUARDO VERSO PIÙ VASTI ORIZZONTI di Marco Baresi

Scopri di più

SUINETTI: ENTERITE POST SVEZZAMENTO

SUINETTI: ENTERITE POST SVEZZAMENTO Di Stefano Gandellini Nel mese di

Scopri di più

Agricoltura e Zootecnia tra ambiente e benessere animale.

LA PAROLA AL SOCIO - Alberto Decò: Socio dell'Azienda Agricola

Scopri di più

LA CURA: RISPOSTE DAL SISTEMA

di Gabriele De Stefani | in collaborazione con Stefano Gagliardi,

Scopri di più

LA CAMPAGNA GRANDINE 2023

LA CAMPAGNA GRANDINE 2023 Agemoco e VH Italia insieme per

Scopri di più

IL FUTURO DEGLI ERBICIDI SI CHIAMA: XPOWER

IL FUTURO DEGLI ERBICIDI SI CHIAMA: XPOWER Di Cristina Zappettini

Scopri di più

NON SORGO, MA SORGI

NON SORGO, MA SORGI di Simona Bonfadelli Da anni seminiamo

Scopri di più

SUOLO: RISPOSTE DAL SISTEMA

Il tecnico informa di Gabriele De Stefani e Davide Pedrini

Scopri di più

NOVITÀ FISCALI PER LE IMPRESE AGRICOLE

NOVITÀ FISCALI PER LE IMPRESE AGRICOLE Di Monica Facchetti NESSUNA

Scopri di più

Cis Consorzio Intercooperativo Servizi - C.F. e P.IVA 01797760988 - Preferenze sulla privacy - Privacy Policy - Cookie Policy - Crediti: Linoolmostudio